Il mio rapporto con i mariti. Daniele: “Sceglierei Lia ancora e ancora”

Il mio rapporto con i mariti. Daniele: “Sceglierei Lia ancora e ancora”

Come vi avevo raccontato su Facebook, a essere speciale non è soltanto il mio rapporto con le mogli, ma anche quello con i mariti. Seguo tutto con dedizione, in modo tale da poter rendere indimenticabile una delle esperienze più importanti della vita di coppia.

Daniele, uno degli sposi che ho seguito in questi anni, ha rilasciato un’intervista sul percorso fatto insieme. Lo ringrazio, perché è riuscito a spiegare benissimo, in poche parole, quello che ho vissuto insieme a lui e alla sua meravigliosa moglie.

 

Daniele, chi ha avuto l’idea di chiamare una wedding planner?
Un amico mi ha passato il contatto di Lia. Ho proposto a colei che sarebbe diventata mia moglie di chiamarla e l’abbiamo fatto. Così ci siamo incontrati e ci siamo conosciuti, anche per capire di persona come fosse il mondo wedding.

Com’è stato il primo approccio con Lia?
Ci siamo incontrati nel suo ufficio e l’impatto è stato positivo. Certo, dopo aver parlato avevamo dei dubbi, come succede sempre quando ti apri a nuove esperienze. Poi ti rendi conto che affidarti a una wedding planner è una cosa in più, che ti permette di distinguerti. Lia ha sempre nuove idee, ci ha capiti a fondo ed è proprio il caso di dire che siamo andati a nozze con lei!

Qual è stata la prima mossa?
Ci siamo subito messi a cercare la location adatta. Io e mia moglie volevamo sposarci sul mare e avevamo una predilezione per la zona di Capitolo, a Monopoli. Abbiamo fatto vari sopralluoghi e abbiamo scelto il Lido Sabbiadoro. Da quel momento è partito tutto un discorso legato alla sala, che è andato dalle bomboniere ai segnaposti.

Qual è l’idea che più ti ha colpito tra quelle avute da Lia?
Sono tantissime. Una lanterna particolare che io e mia moglie abbiamo regalato agli invitati con la candela acces, a rappresentare una nuova vita: Era il linea con tutto il resto perché color lavanda. Anche l’invito è stata una chicca: un sacchetto con dentro la sabbia. Quando ho dato la partecipazione, tanti di quelli che l’hanno ricevuta hanno pensato fosse un piccolo regalo. Invece era un sacchettino con la lavanda e la sabbia. Lia ha avuto idee che a me non sarebbero mai venute.

In cosa ti ha aiutato di più?
Per quanto mi riguarda mi ha dato lo spunto dell’abito, facendomi vedere foto e modelli. Mi ha aiutato molto. Non l’ho voluta portare con me dal sarto per imbarazzo, infatti si è arrabbiata con me, ma la aggiornavo con fotografie, la chiamavo. Con mia moglie ha avuto più cose da fare, si sentivano spesso. Il mio abito era color sabbia, fresco e leggero. In generale, a molte cose provvedeva Lia, ci siamo fidati del suo gusto. Non abbiamo perso tempo, siamo andati spediti sulle sue idee.

Quali altre cose ha fatto Lia per te che a noi uomini non sarebbe mai venuto in mente di fare?
Tante cose. Mi ricordo che in quel periodo era tutto una novità, un’ottima idea. Anche la scelta delle scarpe, abbinate al colore della lavanda. Noi uomini siamo un po’ più trasandati, non penseremmo mai a certi espedienti.

Per quanto riguarda il vostro impegno quotidiano, quanto tempo avete sottratto al vostro lavoro?
Pochissimo! Lia ci incontrava in base alle nostre esigenze. Ci vedevamo di lunedì, di domenica. Poi ci ha seguiti senza sosta: aveva le idee chiare e se una cosa non era come la voleva, non si faceva. I malpensanti potrebbero poi immaginare che si affidi a fornitori di fiducia guadagnandoci qualcosa, invece non è assolutamente così: ha tantissime convenzioni, che agevolano una coppia anche da questo punto di vista.

Com’è stata la festa?
Lia ci ha seguiti, e anche se era dietro le quinte io sapevo che c’era. Non la vedevo, ma c’era. Bastava anche uno sguardo con cui mi diceva “ok, tranquillo”. È stata presente con discrezione. Sinceramente, se tornassi indietro, la richiamerei. Lo consiglio e ne parlo con gli amici. Ancora oggi molti di loro ci dicono che è stato bello venire al nostro matrimonio, in spiaggia, al tramonto.

Vi sentite ancora?
Dopo la cerimonia non ci siamo più sentiti, purtroppo. Con mia moglie si sentono ancora, si sono anche incontrate, hanno fatto passeggiate insieme. È un bellissimo ricordo per noi.

WhatsApp Chat
Invia WhatsApp